2023 Eur

2° Grand Prix Storico di Roma, oggi ultima tappa all’Eur per ricordare il motorismo romano

Ammirare da vicino auto da corsa d’epoca e non solo in una cornice incredibile come quella di Roma, è un’emozione più unica che rara. Vederle anche in movimento in un’esposizione dinamica è da brividi. Dal 21 al 24 settembre si è svolto il 2° Grand Prix Storico di Roma, evento organizzato dall’associazione Orgoglio Motoristico Romano inserito nel calendario della “Settimana del Motorismo” che la Capitale ha dedicato al mondo dei motori. Dopo la sua prima edizione nel 2022, il 2° Grand Prix storico è stata l’occasione per godere di auto che hanno corso nelle diverse epoche a motori accesi e in movimento e per ricordare i grandi protagonisti romani che hanno fatto la storia del motorismo.

Click here to display content from YouTube.
Learn more in YouTube’s privacy policy.

“Ricordare tutto quello che è stato il motorismo romano, ricordare i piloti che hanno perso la vita in competizioni, come Elio De Angelis, Ignazio Giunti, Andrea De Cesaris e tanti altri, e che non ci sono più e che hanno dato lustro alla nostra città, trovo che sia un passaggio molto importante e credo che si debba essere orgogliosi di un’iniziativa del genere” ha detto Stefano Pandolfi, presidente dell’associazione Orgoglio Motoristico Romano.

Ultima tappa, quella di oggi 24 settembre 2023, che si è svolta all’Eur, preceduta dagli altrettanto incredibili appuntamenti a piazza Mignanelli (dove è stato presentato l’evento il 21 settembre), via Veneto e Caracalla con esposizioni statiche e dinamiche di auto da corsa d’epoca e non solo.

L’esibizione statica della giornata di oggi ha previsto l’esposizione delle Lotus Ayrton Senna e Elio De Angelis e dell’Alfa Romea di Andrea De Cesaris, più altre F1 storiche. Altri veicoli sono stati invece esposti su via Ciro il Grande.

L’esibizione dinamica è stata caratterizzata dalla parata non competitiva di autovetture storiche da competizione Formula 1, Sport Prototipi, Turismo, Rally, tra cui le Lotus F1 di Ayrton Senna e di Elio De Angelis, la Ferrari 312 B di Paolo Barilla ex Ignazio Giunti e Clay Regazzoni, nonché l’Alfa Romeo 185/T di F1 di Riccardo Patrese ed Eddie Cheever, della Maserati 4 CLT ex Achille Varzi, dell’Alfa Romeo 1750 Sport del Museo dell’Esercito e di n. 40 auto storiche stradali(Alfa Romeo, Ferrari, Lotus, Lancia, Porsche, Aston Martin, ecc. vetture dei Musei dei Carabinieri, Polizia Esercito e Finanza) non competitive, partendo da via Ciro il Grande, percorrendo via della Civiltà del Lavoro direzione Quadrato della Concordia (Palazzo della Civiltà Italiana), viale Beethoven fino a via della Chimica e ritorno a via Ciro il Grande.

“Roma è una città che non ha bisogno di descrizioni. Il Motorsport romano che di fatto questa manifestazione celebra la sua storia ha avuto il giusto riconoscimento. Come si dice, la città ha risposto. Siamo stati in tre posti veramente iconici: via Veneto, che ha rappresentato Roma nel mondo con la sua Dolce vita, le Terme di Caracalla, che in qualche modo rappresentano tutta la storia della Roma antica e poi questa cornice dell’Eur che per me è la quinta essenza dell’architettura senza tempo” ha detto ai microfoni di Radio Roma Emanuele Pirro, ex pilota automobilistico italiano che ha gareggiato in Formula 1, in Turismo e nelle corse di durata come la 24 Ore di Le Mans che lui ha vinto cinque volte.

Nella manifestazione c’è stata anche la possibilità sfidarsi alla “Sfida delle Gomme-Supercar”, un gioco da tavola molto popolare tra i bambini giapponesi degli anni ’70.

Ambasciatrice dell’evento Anna Fendi, grande stilista ed imprenditrice italiana che con grande stile ed eleganza ha da sempre apportato innovazione nel mondo della moda. “Io sono stata un testimone attiva per questo Gran Prix – ha detto Anna Fendi – L’ho voluto, l’ho veramente sognato. Oggi è un momento di grande felicità. Queste macchine mi eccitano, le trovo fantastiche e sono contenta che Roma con la sua bellezza, la sua eccellenza possa ospitare questa magnificenza del design e della tecnologia e della bellezza mondiale. Queste non sono macchine, non sono auto, sono delle sculture e rappresentano l’alta artigianalità del di un di un’operazione straordinaria.”

Madrina invece un grande volto dello spettacolo, un’attrice, produttrice cinematografica ed ex modella italiana, Maria Grazia Cucinotta, che a via Veneto, nella giornata del 22 settembre 2023, ha detto ai microfoni di Radio Roma che “queste auto sono tutti dei gioielli, dei pezzi unici. Ti ritrovi a vivere nel bello, in quelle cose che sono talmente belle che quando sono fatte bene durano per sempre.”

https://www.radioroma.it/2023/09/24/2-grand-prix-storico-di-roma-oggi-ultima-tappa-alleur-per-ricordare-il-motorismo-romano/